Investire negli Stati Uniti - emigrare e lavorare negli USA - Roberto Mazzoni

Conquistare il sogno americano negli Stati Uniti o da casa propria

Come funziona veramente il visto turistico per gli USA

Il visto B2 per gli Stati Uniti è apparentemente semplice da ottenere. In realtà costituisce una delle domande più insidiose. La storia recente di due ragazzi marchigiani che sono stati arrestati a New York e costretti a passare due notti in una prigione nel New Jersey prima di essere rimpatriati forzatamente in Italia, mi ha fatto capire che c’è ancora molta confusione sul significato di visto turistico e su come veramente funziona un visto turistico per gli Stati Uniti.

Il punto centrale è che molte persone sono convinte di entrare negli USA con un visto turistico, quando invece stanno usando il semplice ESTA che, come dice il nome: Electronic System for Travel Authorization, è semplicemente un permesso di viaggio. L’ESTA non garantisce in alcun modo l’ingresso negli Stati Uniti, ma permette unicamente di acquistare un biglietto e raggiungere la frontiera statunitense dove la guardia di frontiera deciderà se farci entrare o meno.

Quali sono le reali differenze tra visto B2 ed ESTA

I due ragazzi marchigiani erano invece convinti di avere un visto turistico ed erano altrettanto convinti che tale visto (che non avevano in realtà) consentisse loro di lavorare temporaneamente presso un ristorante di New York dove avevano avuto un “aggancio”, citando le loro parole. Quando la polizia di frontiera ha aperto i loro bagagli e ha scoperto le divise da cuoco, ha cominciato a fare domande e il vero intento del viaggio è subito emerso. L’incarcerazione e la successiva deportazione sono state due conseguenze automatiche ed inevitabili.

Il fatto è che né l’ESTA né il visto turistico propriamente detto, il B2, consentono di lavorare negli USA e quindi i ragazzi si sono resi colpevoli di aver dichiarato il falso e di aver utilizzato l’ESTA per uno scopo non consentito e il resto è storia.

Nel video che segue vi spiego le reali differenze tra un visto turistico, B2, e l’ESTA:

Altri articoli su questo tema:

I rischi di richiedere un visto turistico senza corretta pianificazione (B2)

Come ottenere il visto turistico B2 per gli Stati Uniti

P.S. Volete davvero conquistare il vostro sogno americano? Il portale www.americasicura.com vi offre gli strumenti per farlo.

Comments

  1. Oggi sono stato al consolato di firenze per richiedere il visto per il mio viaggio di 10 giorni a new york. ho il passaporto congolese quindi devo per forza chiedere il b2. per il primo colloquio ho portato solo il cud e chiaramente mi è stato rifiutato il visto. però ho contratto di lavoro a tempo indeterminato. biglietti andata e ritorno. assicurazione sanitaria. documenti auto. certificati di residenza nascita e stato di famiglia oltre al voucher di conferma prenotazione dell’hotel. buste paga ed estratto conto.
    non posso aspettare che passi un pò di tempo perché ho già comprato i biglietti e pagato tutto. pensa che richiedendolo in così poco tempo sia un rischio anche con tutta la documentazione aggiuntiva? ha qualche consiglio da darmi?

  2. Onestamente il visto è già stato bocciato e non credo che gliene diano uno nuovo se ci torna dopo pochi giorni. Se vuole può provare, ma il problema credo che sia il passaporto congolese. Le ambasciate statunitensi sono più caute quando devono concedere un visto a persone che hanno un passaporto diverso da quello della nazione in cui si trovano. In questo caso lei si trova in Italia, ma ha non ha un passaporto italiano. Inoltre c’è un problema in Congo. Leggo sul sito governativo statunitense che già a dicembre sconsigliavano ai cittadini statunitensi di andare in Congo perché la situazione è troppo instabile. Dunque il Congo è considerata una nazione a rischio e lei ha un passaporto congolese. Sommi questo aspetto a quanto scritto prima e vede che la situazione è difficile. Il mio consiglio è di non comperare mai un biglietto aereo prima di avere un visto.

  • christian KABANDA

    Oggi sono stato al consolato di firenze per richiedere il visto per il mio viaggio di 10 giorni a new york. ho il passaporto congolese quindi devo per forza chiedere il b2. per il primo colloquio ho portato solo il cud e chiaramente mi è stato rifiutato il visto. però ho contratto di lavoro a tempo indeterminato. biglietti andata e ritorno. assicurazione sanitaria. documenti auto. certificati di residenza nascita e stato di famiglia oltre al voucher di conferma prenotazione dell'hotel. buste paga ed estratto conto. non posso aspettare che passi un pò di tempo perché ho già comprato i biglietti e pagato tutto. pensa che richiedendolo in così poco tempo sia un rischio anche con tutta la documentazione aggiuntiva? ha qualche consiglio da darmi?
    UpVote Reply 1 Upvotes
    • Roberto Mazzoni robertomazzoni.tv

      Onestamente il visto è già stato bocciato e non credo che gliene diano uno nuovo se ci torna dopo pochi giorni. Se vuole può provare, ma il problema credo che sia il passaporto congolese. Le ambasciate statunitensi sono più caute quando devono concedere un visto a persone che hanno un passaporto diverso da quello della nazione in cui si trovano. In questo caso lei si trova in Italia, ma ha non ha un passaporto italiano. Inoltre c'è un problema in Congo. Leggo sul sito governativo statunitense che già a dicembre sconsigliavano ai cittadini statunitensi di andare in Congo perché la situazione è troppo instabile. Dunque il Congo è considerata una nazione a rischio e lei ha un passaporto congolese. Sommi questo aspetto a quanto scritto prima e vede che la situazione è difficile. Il mio consiglio è di non comperare mai un biglietto aereo prima di avere un visto.
      UpVote Reply 0 Upvotes